appunti,economia, matematica, italiano,storia,diritto
 
La nozione giuridica di imprenditore

ü  La nozione di imprenditore è una novità introdotta dal codice civile del 1942
ü  Prima di imprenditore era usato il termine commerciante  per indicare la figura generale di soggetto economico
ü  Oggi il commerciante è una specifica figura di imprenditore
ü  Art 2082: l’imprenditore è chi esercita professionalmente un’attività organizzata al fine della produzione e dello scambio di beni e servizi

I caratteri dell’attività imprenditoriale
Sono due gli elementi principali che caratterizzano l’imprenditore:
û  Il potere di organizzare e dirigere il processo produttivo
û  La sopportazione del rischio che i costi non siano sostenuti dai ricavi

I caratteri invece necessari affinché si possa parlare di impresa sono:
1.      Attività economica (l’attività deve essere economica, cioè deve lo scopo di produrre ricchezza)
2.      Attività professionale (l’attività economica deve essere esercitata professionalmente)
3.      Attività organizzata (esercitata prevalentemente con il lavoro altrui)
4.      Attività diretta alla produzione o allo scambio di bene o servizi  l’attività deve essere diretta a produrre beni o servizi)

                                                                                                                                                                                       
I criteri di classificazione
Il codice adotta 3 criteri di classificazione dell’imprenditore e della sua attività:
û  Criterio qualitativo ( tipo di attività?imprenditore agricolo o imprenditore commerciale?)
û  Criterio quantitativo(dimensioni dell’attività?piccolo imprenditore o titolare di un’impresa di medie o grandi dimensioni?)
û  Criterio personale (numero di soggetti che dirigono l’impresa?imprenditore individuale o imprenditore collettivo o società?

L’imprenditore agricolo
û  Esclusione dall’obbligo di tenuta delle scritture contabili
û  Legge: è imprenditore agricolo chi esercita  una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e tutte quelle attività dirette alla cura e allo sviluppo di un ciclo biologico.

Coltivazione del fondo
û  Si intende quell’attività rivolta allo sfruttamento delle energie naturali delle terre
û  Deve considerarsi un attività agricola anche la coltivazione dei funghi

Selvicoltura
û  Si intende quella particolare attività agricola diretta alla produzione del legname

Allevamento di animali
û  È l’attività agricola essenziale più ricca ed include l’allevamento non solo di animali tradizionalmente allevati sul fondo ma anche di animali da cortile tradizionalmente allevati in batteria.

Attività agricole connesse
û  Oltre alle attività agricole principali citate fino ad adesso ci sono attività agricole connesse che rientrano nell’impresa agricola.
û  Perché un attività possa considerarsi connessa devono sussistere due tipi di collegamento, la connessione soggettiva e la connessione oggettiva.
û  La connessione soggettiva sussiste quando il soggetto che svolge tale attività è un imprenditore agricolo
û  Perché sussista la connessione oggettiva è necessario che l’attività connessa sia sempre collegata all’attività agricola principale.

L’imprenditore commerciale
Sono imprenditori commerciali coloro che esercitano:
û  Un attività industriale diretta alla produzione di beni o di servizi
û  Un’attività intermediaria nella circolazione dei beni
û  Un’attività di trasporto per terra, per acqua o per aria
û  Un’attività bancaria o assicurativa
û  Altre attività ausiliarie delle precedenti

Il piccolo imprenditore
û  Non è sottoposto alla disciplina prevista per gli imprenditori commerciali
û  È esonerato dall’obbligo di tenuta delle scritture contabili
û  Legge: sono piccoli imprenditori i coltivatori del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un’attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia
û  Requisito comune a tutti i piccoli imprenditori è la prevalenza del lavoro proprio e della famiglia
û  È considerato piccolo imprenditore chi esercita un’attività commerciale con il proprio lavoro personale

Impresa familiare
û  È definita impresa familiare quella alla quale collaborano i familiari dell’imprenditore, i quali prestano in modo continuativo il loro lavoro senza avere un contratto di lavoro
û  Può trattarsi di un’impresa commerciale o agricola
û  Può trattarsi di un’impresa di piccole o di grandi dimensioni

Anche i familiari godono di alcuni diritti:
1.      Diritto al mantenimento secondo la condizione patrimoniale della famiglia
2.      Diritto di partecipare agli utili dell’impresa
3.      Diritto di partecipare alle decisioni relative all’impiego dell’utile
4.      L’impresa familiare è comunque un’impresa individuale

L’impresa sociale
û  Negli ultimi anni si è avuta una grande crescita di organizzazioni non profit
û  Legge: riconosce la qualifica di impresa sociale a tutte le organizzazioni private  che esercitano in via stabile e principale un’attività economica organizzata al fine della produzione  o dello scambio di beni o servizi di utilità sociale.
û  I tratti caratterizzanti dell’impresa sociale sono l’assenza dello scopo di lucro ed il perseguimento di finalità di interesse generale.

L’impresa artigiana
L’impresa artigiana deve avere questi 2 requisiti:
û  Abbia per scopo prevalente la produzione di beni o la prestazione di servizi (escluse le attività agricole)
û  Che l’attività sia esercitata personalmente dal titolare

L’impresa artigiana può essere esercitata anche ricco rendo a lavoratori dipendenti purché:
û  Siano personalmente diretti dall’imprenditore artigiano
û  Non si superino determinati limiti numerici

 


Comments




Leave a Reply

appunti,economia, matematica, italiano,storia,diritto