appunti,economia, matematica, italiano,storia,diritto
 
·Assolutismo caratterizzato dall’accentramento del potere nelle mani del monarca
·In Europa prevaleva la monarchia per diritto divino
·Ma il potere era davvero assoluto? No, la realtà della vita sociale poneva limiti all’assolutismo, vincolando il re al rispetto delle leggi (immodificabili), come quelle riguardo alla successione
·Il limite più forte era rappresentato dalla presenza dei corpi intermedi
·Nel 1661, dopo la morte del cardinale Mazzarino , sale al trono Luigi XIV ( a soli 22 anni)
·Gli obiettivi fondamentali della sua politica erano il consolidamento dello stato e il rafforzamento del potere personale del re
·Adotta come simbolo l’antico simbolo del sole
·Voleva concentrare nelle proprie mani ogni decisione, voleva identificare lo stato e il potere nella figura del re ( lo stato sono io)
·Non voleva affidarsi ad alcun primo ministro, e faceva in modo che ogni decisione ruotasse attorno a lui
·Aveva anche un consiglio ristretto
·Contro gli oppositori agì con determinazione, faccendoni incarcerare
·Tra i suoi consiglieri c’era Colbert, che era il controllore generale delle finanze
·Colbert istituì un’importante riforma con la reintroduzione degli intendenti ( avevano compiti ispettivi)
·L’attività degli intendenti svolse un ruolo importante nel rafforzamento della monarchia
·Comincia a delinearsi il centralismo politico e amministrativo
·Grande nobiltà: obbligo di risiedere a corte ( reggia di Versailles)
·Costi di Versailles: 5% del bilancio nazionale
·Versailles: espressione massima del mecenatismo
·Per iniziativa di Colbert vengono fondate numerose accademie
·L’età di Luigi XIV viene definita come grande secolo
·Versailles diventa una gabbia dorata
·In cambio della fedeltà la nobiltà conservò lo status di ordine privilegiato (niente obblighi fiscali, ecc)
·La politica religiosa aveva grande importanza nel programma centralista di Luigi XIV
·Cerca di realizzare il massimo di uniformità religiosa
·Era convinto che l’uniformità rappresentasse la forza della monarchia

In questa prospettiva aveva 3 obiettivi:
o   Sradicamento del giansenismo
o   Estirpazione del calvinismo
o   L’affermazione della supremazia regia sulla chiesa

·La religiosità dei giansenisti puntava sul valore dell’interiorità, e privilegiavano il ruolo della grazie divina rispetto alle opere compiute dall’uomo. Non bastavano 2 bolle papali per bloccare la loro diffusione. Più successo la bolla Unigenitus perché fu voluta non solo dai gesuiti ma anche personalmente ma anche da Luigi XIV.
·L’ostacolo principale all’uniformità religiosa era rappresentato dalla presenza degli ugonotti e dalle promesse fatte a loro da Enrico IV ( nell’editto di Nantes 1598).
·Molti cattolici francesi fecero sforzi impegnativi per eliminare quella che a loro appariva come la “ macchia dell’eresia
·Molti cattolici si rivolgevano agli ugonotti per convincerli a convertirsi con argomenti teologici.
·Ci fu anche un’applicazione più restrittiva dell’editto di Nantes.
·La persecuzione dei calvinisti fu ufficializzata nel 1685 con l’editto di Fontainebleau di Luigi XIV, che revocava l’editto di Nantes.
·Editto di Fontainebleau: chiusura delle scuole protestanti, la demolizione degli edifici di culto, e l’obbligatorietà del battesimo per i bambini. 300 000 ugonotti abbandonarono il paese.
·Luigi XIV s’impegnò in un aspro conflitto con il papa romano (era in gioco la supremazia sulla chiesa della Francia.)
·La rivendicazione del sovrano coincideva con il gallicanesimo, dottrina che non riconosceva al papa alcun potere temporale sul suolo francese, e limitava quello spirituale, e sosteneva il diritto del sovrano di controllare la chiesa francese attraverso la nomina dei vescovi.
·Dopo la decisione di estendere la regalia ai vescovi, papa Innocenzo XI si oppone alla decisione del re.
·Nella politica economica Luigi XIV si sforzò di ridurre le importazioni, e s’impegnò di sviluppare la produzione industriale nazionale.
·Con l’obiettivo di far quadrare il bilancio, Colbert cercò di migliorare la raccolta fiscale, fallì l’obiettivo del pareggio.

Gli obiettivi della politica estera di Luigi XIV erano:
o   Allargare i confini
o   Imporre la supremazia in Europa
o   Rafforzare la presenza francese in campo coloniale
o   Con luigi XIV, la Francia attraversa una lunga fase di guerre

·Ci fu un rafforzamento militare, fu costituita una rete di piazzeforti e fu rafforzata la marina da guerra.
·Luigi XIV muore nel 1715
·Il suo successore è Filippo d’Orleans (che ha cinque anni)
·L a Francia aveva un problema con il debito pubblico

 


Comments




Leave a Reply


appunti,economia, matematica, italiano,storia,diritto