appunti,economia, matematica, italiano,storia,diritto
 
- Dall’agente di commercio c’è da distinguere il rappresentate di commercio perché l’agente ha il compito di promuovere la conclusione di contratti di vendita invece il rappresentate ha il compito di concludere contratti di vendita in quanto gli vengono attribuiti i poteri di rappresentanza.
- L’attività di agente o rappresentante di commercio può essere esercitata solamente da coloro che sono iscritti nell’apposito ruolo tenuto presso le Camere di Commercio.
- Per l’agente di commercio ci sono da analizzare 3 aspetti del contratto di agenzia: economico, previdenziale e fiscale.
- Quello economico riguarda la provvigione (retribuzione dell’agente di commercio) che può essere calcolata in base ai contratti di vendita conclusi di cui gli viene data una certa percentuale.
- Quello previdenziale riguarda l’iscrizione all’Enasarco (Ente nazionale di assistenza per agenti e rappresentanti di commercio) il quale ha i compiti di: erogare le pensioni integrative, di vecchiaia, invalidità e superstiti, perseguire fini di formazione e qualificazione professionale in favore della categoria, provvede alla gestione dell’indennità di risoluzione del rapporto, effettua prestazioni assistenziali di vario genere (borse di studio e colonie estive per i figli degli agenti di commercio ecc.).
- All’Enasarco devono essere versati: i contributi annuali FIRR (Fondo Indennità Risoluzione Rapporto) calcolati in base alle provvigioni liquidate l’anno precedente e i contributi a titolo di previdenza e assistenza calcolati sulle somme a qualsiasi titolo dovute ogni trimestre all’agente (provvigioni, rimborsi forfetari) anche se non ancora pagate.
- L’aspetto fiscale riguarda invece l’IVA e la ritenuta di acconto le provvigioni sono soggette a IVA ordinaria (20%) e la ritenuta di acconto che si calcola: sul 50% delle provvigioni e degli altri compensi corrisposti ad ausiliari commerciali che non si servono dell’opera di collaboratori; sul 20% delle provvigioni e degli altri compensi corrisposti ad ausiliari commerciali che si avvalgono in via continuativa dell’opera di collaboratori.
 


Comments




Leave a Reply


appunti,economia, matematica, italiano,storia,diritto