appunti,economia, matematica, italiano,storia,diritto
 
La maggior parte dei titoli a tasso fisso è costituita dai buoni del tesoro polienali BTP. I BTP sono titoli che lo stato si impegna a rimborsare dopo un periodo di tempo compreso fra i 3 e i 10 anno. Il tasso di interesse viene stabilito al momento dell’emissione e resta fisso per tutta la durata del prestito. La quotazione dei BTP è espressa in termini percentuali a corso secco, il prezzo di acquisto può essere sotto la pari, alla pari o sopra la pari. Per i BTP sottoscritti nel mercato primario il regolamento avviene al prezzo di aggiudicazione d’asta. Se invece i BTP vengono acquistati nel mercato straordinario per calcolare il controvalore delle negoziazioni è necessario determinare il corso tel quel e le commissioni bancarie. Sugli interessi che maturano a favore delle persone fisiche residenti e sull’eventuale scarto di emissione si applica l’imposta sostitutiva 12.50%. il valore di rimborso dei BTP coincide con il valore nominale.
Sono stati emessi anche BTP indicizzati all’inflazione BTP-i. il tasso di interesse BTP-i resta fisso per tutta la durata del prestito, ma gli interessi semestrali variano poiché sono calcolati su un valore nominale che viene periodicamente aggiornato in base all’indice Eurostat. Alla scadenza, se dal giorno di emissione del titolo si è verificata inflazione e quindi l’indice è aumentato, il BTP-i sarà rimborsato a un valore superiore al valore nominale.
 


Comments




Leave a Reply


appunti,economia, matematica, italiano,storia,diritto